Bluffare o non bluffareecco il dilemma!

Larte del – 84239

Disponibilità immediata. Disponibile in 10 giorni. Disponibile in 3 giorni.

Scelti da Noi

Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Avvedutamente. Quando si parla di poker nell'immaginario collettivo si crea subito l'associazione insieme il termine bluff. Credo quindi come importante fare una breve riflessione su questa tecnica di gioco che, a torto o a ragione, molti associano con l'aspetto principale del poker. Alcuni, pertanto, potrebbe non essere d'accordo insieme me su questo punto, anche perché, bisogna ammetterlo, i giocatori che sanno bluffare in maniera veramente efficace sono dei veri e proprio artisti, affinché innalzano l'adrenalina del gioco e mandano in estasi il pubblico. Tuttavia nella mia ormai lunga esperienza di divertimento devo dire i tornei non si vincono solo bluffando, anzi un abuso in questa tecnica spesso porta all'eliminazione; vi sono a mio avviso molte altre componenti, forse anche più importanti, che risultano decisive per centrare risultati di spicco in un torneo di Texas Hold'em, come ad esempio, saper foldare una mano forte al attimo giusto, se necessario. Tuttavia il finta rimane una tecnica di gioco basilare nel poker, se usata nella metodo corretta e con l'abilità giusta. Acciocché il risultato arrivi, anche il finta deve sottostare ad alcuni criteri di base.

Libri editi da Dgs3

Per questo il bluff diventa componente basilare di un gioco di carte come il poker. Mentire esplicitamente è vietato in alcuni tornei europei mentre è ammesso alle WSOP. Nella pratica in una partita a poker il finta è vantaggioso nel caso in cui non si abbia una buona direzione, ma si vuole far credere agli avversari di avere una mano disinteressato alla loro con puntate e rilanci in modo da indurli a lasciarci vincere il piatto con estrema facilità. Nel poker è possibile distinguere 3 tipi principali di bluff: quello casto, il semibluff e quello passivo. Nel bluff puro Il giocatore che lo opera non ha alcuna possibilità di vincere se gli avversari non ci cascano e coprono le sue puntate fino alla fine. Il bluff passivoconosciuto anche come slowplay, rappresenta un abito contrapposto a quello del bluff casto che è aggressivo. Il bluff debole si effettua quando si ha una mano forte già in partenza, e si vuole far credere agli estranei di avere carte scarse, in attuale modo gli avversari continueranno a appoggiare rendendo il piatto più succulento. Probabilità Poker: cosa sono gli Odds e gli Outs? Film Poker: The Grand.

Leave a Reply

Your email address will not be published.*